Smagliature: ecco come sconfiggerle

smagliature

Problemi con le smagliature? Ecco una serie di interessanti soluzioni. Facciamo presente che si tratta di soluzioni bio, dato che crediamo che in questo caso oli e burri siano più efficaci che mai.

Ma non perdiamoci in chiacchiere e vediamo cosa previene, attenua, elimina le smagliature.

Iniziamo con il dire che ci sono smagliature rosse e smagliature bianche. Paradossalmente le prime sono più facili da eliminare, dato che il colore segnala che sono nella loro fase iniziale. Al contrario, se non si agisce in tempo, le smagliature diventano bianche e in quel caso le si può attenuare (eliminare è molto difficile, almeno che non si ricorra ad altri strumenti).

Ma cosa mettere sulla nostra pelle al fine di prevenire, attenuare, eliminare le smagliature?

Facciamo un piccolo preambolo: il tono della pelle è molto importante ed è per questo che dobbiamo sempre tendere a idratarla e allo stesso tempo tonificarla. Poi  le diamo qualche aiutino:

 

Olio di mandorle dolci: grazie alla vitamina E, che aiuta la pelle a rimanere giovane, è utilissimo per chi ha qualche smagliatura. Consigliamo di applicarlo quotidianamente in piccole dosi. Per chi vuole prevenire, consigliamo di utilizzarlo come olio da massaggio rilassante (soprattutto in gravidanza).

Burro di karité: usatelo puro dopo la doccia, applicandolo (dopo averlo riscaldato tra le mani) sulla parte interessata e su tutto il corpo con massaggi circolari. Molto utile per la compattezza e l’idratazione profonda della pelle.

Succo di limone: chi non ha in casa almeno un limone? Il succo è veramente prezioso, perché ricco di vitamina C. Usatelo puro sia su cicatrici che su smagliature e noterete la differenza.

Gel d’aloe: come il succo di limone, anche il gel d’aloe ha un uso polivalente, dato che lo si consiglia anche per gli eritemi solari. Non unge e si assorbe con facilità: usatelo quotidianamente sulla zona da trattare.

Olio di semi di lino: si tratta di un olio molto efficace in questi casi, perché ricco di omega 3, ossia di quella sostanza che aiuta la pelle a produrre collagene.

Olio di cocco: anch’esso nutriente e idratante, ottimo per massaggi quotidiani.

I mille modi di usare l’olio di cocco

coconut-oil

Uno dei primi ricordi che abbiamo di quando eravamo bambini è l’abbronzante che odora di cocco. Un caso? No, assolutamente…L’olio di cocco è superabbronzante  e questo è il primo utilizzo che ci viene in mente. Ma, come abbiamo già detto, l’olio di cocco è versatile al punto che lo si può utilizzare in cucina e sul corpo. Cosa c’è di meglio?

Ma veniamo al dunque: vogliamo darvi altri spunti su come usare l’olio di cocco sul corpo, sul viso, sui capelli.

Quando abbiamo parlato dell’olio di cocco, abbiamo fatto presente che si tratta di un prodotto molto utile, dato che riesce a fornire alla nostra pelle l’idratazione necessaria. Oggi vogliamo approfondire il discorso.

Iniziamo con il dire che se si vuole una pelle vellutata ed elastica si deve cercare di idratarla al meglio, al fine di non averla stanca e secca. Ecco che l’olio di cocco ci aiuta, grazie al suo potere idratante e al suo essere ricco di antiossidanti che vanno a prevenire la formazione dei radicali liberi.

Quali sono le caratteristiche che deve avere il vostro olio di cocco? Deve essere puro spremuto a freddo. Di solito tali informazioni si trovano sull’etichetta e per capire se è o meno puro basta guardare l’INCI. Ma perché è importante che sia puro e spremuto a freddo? Perché così conserva le sostanze che ci aiutano: acido laurico, acido palmitico e acido mistrico.

CORPO

Vediamo come utilizzare l’olio di cocco per il corpo. Possiamo optare per un massaggio prima del bagno o della doccia, che permetterà alle sostanze che compongono l’olio di penetrare nel profondo della pelle, proteggendola e idratandola. Per chi, invece, preferisce coccolare la propria pelle dopo la doccia consigliamo di utilizzare l’olio di cocco al posto della crema idratante: si avranno gli stessi risultati, ma senza paura di mettere sulla pelle sostanze non naturali.  Consigliamo di insistere soprattutto sulle zone critiche e più secche, come talloni e gomiti. Ma basta anche poche gocce di olio di cocco nella vasca per avere un effetto vellutante.

CAPELLI

Devo ammettere di essere venuta a conoscenza dell’utilizzo dell’olio di cocco per uso non alimentare, cercando proprio delle ricette per impacchi ai capelli. I miei capelli, ricci e di media lunghezza, sono molto secchi e devo costantemente nutrirli a fondo.

Ecco il mio impacco per capelli ricci all’olio di cocco: premetto che è fondamentale inumidire prima i capelli (mai fare un impacco sui capelli asciutti). Fatto questo, poi, passo l’olio di cocco su tutta la lunghezza e massaggio. Copro il tutto con una cuffietta o con della pellicola e cerco di lasciarlo in testa il più possibile (magari tutta la notte). Poi procedo con lo shampoo. 

Ma non finisce qui perché l’olio di cocco è utile anche per chi ha la forfora. Massaggiandolo sulla cute prima dello shampoo si noteranno degli effetti molto più che soddisfacenti.

Inoltre, l’olio di cocco è molto utile in estate, perché protegge il capello dai danni del sole. Infine, provate a mettere due gocce sulle punte prima dell’asciugatura: capelli brillanti e protetti.

VISO

L’olio di cocco come struccante è molto utile: rimuove anche il make up waterproof e non lascia residui. Lo si usa con un batuffolo di cotone, soprattutto sugli occhi. Dato che ha un potere fortemente idratante, sconsiglio di usarlo su tutto il viso per chi ha la pelle molto grassa, dato che potrebbe ungerla. Ovviamente, dopo aver struccato, trattandosi di un olio, si deve sciacquare il viso con acqua tiepida, in modo da togliere qualsiasi residuo.

Olio di cocco e zucchero di canna: provate questo mix come scrub per le labbra.

Spero di avervi dato una serie di consigli d’uso utili.

 

 

L’olio di cocco: bio, low cost…un must have per l’estate

Da qualche tempo si sente parlare dell’olio di cocco in una nuova veste: non in cucina…bensì nel nostro beauty. Ebbene sì, per le poche persone che non lo sanno ancora sveliamo un segreto: l’olio di cocco non è solo buono ma fa anche bene al corpo, in particolare ai capelli. Se lo amate, quindi, e magari ne avete già una confezione che usate per i vostri piatti, non esitate a leggere, perché potrebbe aprirsi un mondo.

coconut-oil

Le proprietà dell’olio di cocco sono davvero tante e lo rendono estremamente versatile. In primis, l’olio di cocco ha proprietà nutritive ed emollienti e questo lo rende un valido alleato per i mesi più freddi, in cui la pelle tende a screpolarsi per il freddo, ma anche per i mesi estivi, quando la pelle esposta al sole si irrita e si arrossa. Ma non basta: sempre grazie a queste caratteristiche l’olio di cocco può essere usato nella zona perioculare notoriamente più secca rispetto alle altre parti del viso e sempre bisognosa di idratazione. Ovviamente, lo si può usare ovunque ci sia qualche screpolatura od ovunque la pelle chieda idratazione maggiore.

Ma non basta: l’olio di cocco può essere usato come lozione pre shampoo, impacco per i capelli, rafforzante per unghie e per molto altro ancora.

Un prodotto versatile e, soprattutto, completamente bio e privo di sostanze nocive. In commercio ce ne sono davvero tantissimi ed è facile reperirli anche al supermercato, poi si usa anche per scopi alimentari.

Volete sapere come definire i capelli ricci con l’olio di cocco? Seguiteci…ve lo sveleremo